Seconda edizione del corso "Archivi della moda" di Fashion Research Italy

LA 2° EDIZIONE DI “ARCHIVI DELLA MODA: HERITAGE MANAGEMENT” IN PILLOLE

La Summer School “Archivi della Moda: heritage management si è conclusa con grande successo.
Il confronto con realtà archivistiche, nazionali e internazionali, il rapporto con docenti provenienti da diversi atenei italiani e con professionisti di rilievo operanti nel settore del Cultural Heritage, è stata un’importante occasione di arricchimento per i 30 partecipanti.
Riviviamo insieme queste due intense settimane!

I SETTIMANA: CASI A CONFRONTO

Durante la prima settimana sono stati affrontati il concetto di Archivio d’Impresa con Giorgetta Bonfiglio Dosio, già Professore Ordinario di Archivistica dell’Università di Padova, e le sue declinazioni nell’ambito del fashion attraverso la presentazione di alcuni case study, testimoniati da accreditati professionisti:

  • l’Archivio Bulgari di Roma, raccontato da Monica Brannetti, Heritage Expert dello stesso;
  • l’Archivio BAI Max Mara di Reggio Emilia, il cui progetto è stato narrato da Federica Fornaciari, curatrice della Biblioteca e dell’Archivio d’Impresa;
  • l’Archivio del Museo della Calzatura di Villa Foscarini Rossi presentato dalla curatrice Federica Rossi;
  • l’Archivio Benetton illustrato dal suo staff.

Un primo focus è stato dedicato all’archivio come strumento di storytelling per il brand a fini di promozione o rilancio. Ne ha parlato Elisa Fulco, Heritage Communication and Storytelling Consultant. Un secondo è stato rivolto all’utilizzo dell’Archivio da parte di un creativo. Tramite il racconto di Gianni Cinti, già designer presso Gianfranco Ferré, è emerso il lavoro di studio e ricerca che Ferré ha svolto nell’archivio Dior negli anni in cui ha diretto la Maison.

II SETTIMANA: UNO SGUARDO PIÙ TECNICO

La seconda settimana del corso si è concentrata sugli aspetti più tecnici, riguardanti la digitalizzazione e le problematiche relative ai software, nativi e open source, non trascurando il grande dibattito in corso sulla condivisione dei dati delle imprese.
Per approfondire questi temi sono stati invitati specialisti del settore come:

  • Francesca Delneri, Funzionario Archivista presso l’Archivio di Stato di Bologna, che ha illustrato gli standard catalografici nazionali e internazionali alla base della catalogazione;
  • Francina Chiara, già curatore dell’Archivio e Museo della Fondazione Antonio Ratti di Como e attualmente Professore a contratto di Storia della moda e del costume all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia, che ha affrontato i modelli e le necessità della schedatura tessile;
  • Marilena Daquino, dottoranda e assegnista di ricerca presso l’Università di Bologna, che ha parlato delle potenzialità del web semantico e dei suoi linguaggi;
  • Silvia Zanella, executive assistant del responsabile Archivio FRI, che ha approfondito le differenti tipologie di software, sottolineando l’importanza della personalizzazione per incontrare le esigenze dell’azienda.

Un’attenzione particolare è stata inoltre rivolta ai vantaggi che un archivio ben conservato e organizzato porta all’azienda da diversi punti di vista:

  • Simona Lumachelli, Fashion Researcher e Archivist presso l’archivio personale di Hubert De Givenchy, ne ha sottolineato l’utilità come strumento fondamentale per la creazione di una collezione, nonché per la definizione della brand identity;
  • Marco Montemaggi, Consigliere di Museimpresa ed esperto di Heritage Marketing, ha spiegato come l’Heritage, detentore dei tratti distintivi di un’azienda, possa diventare una fonte di profitto attraverso la fidelizzazione del consumatore finale;
  • Claudia D’Angelo, responsabile dell’Archivio FRI, ha dimostrato come l’Archivio rappresenti uno strumento di continuità tra passato, presente e futuro di un brand, nonostante il succedersi di direttori creativi.

LE VISITE GUIDATE: UN MOMENTO DI APPROFONDIMENTO

Il corso ha inoltre offerto ai partecipanti l’opportunità di visitare prestigiose realtà del settore, alcune delle quali normalmente precluse al pubblico e aperte per l’occasione:

  • gli ambienti dell’Archivio Benetton (Castrette di Villorba) svelatici da Francesca Ghersetti, Greta Gamba, Simone Da Ros e Mara Lacagnina, staff dell’archivio;
  • il Museo della Calzatura di Villa Foscarini Rossi (Stra) di cui ringraziamo la curatrice Federica Rossi;
  • il Museo Living Heritage e Archivio Sergio Rossi (San Mauro Pascoli) descritto dalle curatrici del progetto Alessandra Arezzi Bosa e Grazia Venneri;
  • la Fondazione Ferragamo e il Museo Salvatore Ferragamo (Firenze) raccontati da Chiara Fucci e Ludovica Barabino, personale della Fondazione;
  • il Gucci Garden (Firenze) accompagnati dallo staff.
"ARCHIVI DELLA MODA" 2°edizione - Giugno 2018
Prolusione al corso "Archivi della Moda" di Fashion Research Italy
Prolusione al corso da parte del curatore Fabio Massacesi.
« 1 di 20 »

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Accetto la normativa sulla privacy