UN PROGETTO PER IL RAFFORZAMENTO DELLA FILIERA MODA

L’odierno sistema economico globale si caratterizza per scenari sempre più incerti e complessi. La propensione al cambiamento diventa quindi un requisito fondamentale per conseguire un vantaggio competitivo e concorrere al successo imprenditoriale. Motore del cambiamento è la digitalizzazione dei processi che, nel contemporaneo panorama di Industria 4.0, ha coinvolto intere aree di business, dal marketing alla vendita, così come il futuro di interi settori, come Retail, Produzione e Logistica.
Nel fashion, questo processo non ha il solo pregio di rendere più efficiente la catena produttiva e gestionale ma, soprattutto, di aprire allo sviluppo di nuovi modelli di business e di servizi.

Per rispondere a tali necessità, la Fondazione ha sancito un protocollo di intesa con M-Impression s.r.l., volto al sostegno del cammino delle imprese del settore moda verso la rivoluzione digitale.

P.IN si concentra ad aumentare quantitativamente e qualitativamente la circolazione delle informazioni all’interno della filiera con l’obbiettivo di facilitare una razionalizzazione del processo di sviluppo che coinvolga tutte le componenti, interne ed esterne all’azienda, ovvero anche quelle relative ad altri attori della filiera in cui l’azienda stessa è inserita, per un rafforzamento dell’intera competitività della “filiera di business”.

PUNTO INNOVAZIONE (P.IN): STRATEGIA E MODELLO OPERATIVO

Tutte le aziende della fashion valley, dalla più piccola alla più grande, necessitano dunque di soluzioni informatiche digitali che rispondano ad esigenze di supporto (amministrazione e controllo, risorse umane, IT, …), operative (acquisti, produzione, distribuzione, …) e commerciali (pre-vendita, vendita retail, ecommerce, marketing).
Nella strategia di P.IN, vi è quindi un approccio mirato all’individuazione di progetti che facciano evolvere i sistemi informatici aziendali a diretto supporto del Business

Il ciclo di vita del supporto di P.IN alle aziende assistite varia indicativamente dai 3 ai 5 anni, concordemente con quante saranno le fasi di evoluzione digitali che richiederanno i mercati del futuro.

Alla base dell’intero processo di accrescimento c’è l’Empatia, l’instaurazione di un clima di fiducia reciproca fondamentale per affrontare gli sviluppi futuri. Il successo del processo di cambiamento è infatti vincolato al raggiungimento di un equilibrio di intenti che si realizza grazie alla capacità di immedesimarsi anche nel vissuto professionale altrui.

Punto Innovazione (P.IN) si suddivide in tre fasi fra loro concatenate:

1. Divulgo: con l’ausilio di esperti aziendali viene effettuata un’analisi a 360° della PMI che si conclude con la presentazione di un documento strategico dove si da ragione di quanto esaminato, unitamente alle indicazioni utili per procedere nel processo di rinnovamento.
2. Apprendi: i vertici aziendali (proprietà, management), coadiuvati da P.IN, apprendono i differenti scenari di innovazione digitale, che in base alle effettive esigenze dell’impresa, possono essere maggiormente di supporto all’attuazione del proprio Business.
3. Cambiamo: grazie al coinvolgimento attivo della rete dei Partner del FARE del network FRI, si mettono in pratica le strategie di rinnovamento condivise. Un sistema multilivello di competenze di fornitori la cui eccellenza è certificata da M-Impression e dalla loro ultra decennale presenza sul mercato.

M-Impression è quindi unica interfaccia tra la PMI e una rete di “fornitori di servizi” di eccellenza, suddivisi in tre categorie
a) Associazioni di categoria: Confindustria Emilia.
b) Fornitori del FARE: Aziende nazionali con capacità di realizzare progetti innovativi, partendo da fattibilità, sviluppo e rilascio dei loro incarichi.
c) BIG PLAYER: Aziende multinazionali, ognuna leader del proprio settore di appartenenza (tra cui Samsung, Lectra, Sap, VEM Sistemi, Sys-DAT, Gruppo Tecla e Promemoria), pronti ad adattare offerta e costi alle esigenze delle PMI.

UN’OPPORTUNITÀ DI ACCRESCIMENTO DEL PATRIMONIO CULTURALE AZIENDALE

Anche grazie alla disponibilità e alla collaborazione con le Associazioni di categoria, P.IN agirà operativamente attraverso la disponibilità di un gruppo di professionisti posti al servizio delle PMI assistite. Un team inter funzionale di esperti che, dialogando costantemente con il management, consentirà di individuare il percorso più opportuno da intraprendere in base alle reali esigenze dell’impresa ed aiuterà il personale aziendale a coordinare i progetti per migliorarne nel tempo la gestione e lo sviluppo.

Questi esperti infatti non si sostituiscono alle diverse funzioni aziendali ma, una volta instaurato un clima di fiducia reciproca, aiutano il personale a coordinare i progetti al fine di rendere minima la divaricazione, spesso esistente oggi, tra il mondo dei tecnici e quello delle figure apicali.

Al termine del progetto, il personale interno all’azienda è dunque messo in condizione di gestirne in autonomia tutte le evoluzioni. L’obiettivo è quindi duplice: implementare una soluzione innovativa ed accrescere il patrimonio culturale aziendale di nuove professionalità nei fatti sempre più richieste e di difficile individuazione sul mercato del lavoro.

PUNTO INNOVAZIONE: LA SOLUZIONE PER INNOVARE IL TUO BUSINESS

Questo è il percorso attraverso il quale si potranno raggiungere obiettivi nodali per le piccole e medie industrie della fashion valley, dando un impulso di forza ed efficienza all’intero settore della manifattura tessile di eccellenza: vera e propria culla del Made in Italy del Passato, del Presente e del Futuro.

Per approfondire le opportunità offerte da questo servizio e concordare una prima consulenza, è possibile fissare un appuntamento con il Ing. Gianluca Guidotti, Responsabile Business e Innovazione.

T. +39 051 220086
@ gianluca.guidotti@m-impression.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Accetto la normativa sulla privacy