Carte da parati: l’ultima tendenza dell’home decòr

thumb image

Dopo qualche anno di assenza dalla scena dell’home decòr, le carte da parati tornano finalmente di moda, seppur rinfrescate da una veste più moderna e modaiola.

Il primo a trasformare in mania i rivestimenti da parete fu l’inglese William Morris: scrittore, pittore e architetto, figura centrale del movimento britannico Arts and Crafts, padre di disegni ancora oggi molto apprezzati, complice il gusto retrò dei decenni successivi. Il vero successo del wallpaper arriverà però negli anni Sessanta e Settanta, quando fanno la loro comparsa sul mercato le prime carte pre-tagliate e pronte all’uso; seguite da carte laminate e da finiture metalliche o in vinile, resistenti e lavabili, vero simbolo del design di quell’epoca.

La passione per le carte ha contagiato, ovviamente, anche il mondo della moda. Con il coinvolgimento dei grandi nomi, come Vivienne Westwood e Ralph Lauren, la carta da parati è diventata un tocco di stile per rivestire e arredare gli ambienti in continuità con i trend del fashion.
Le ultime proposte della Milano Design Week in tema carte da parati sono tridimensionali e dagli stili diversissimi: dal mood futuristico a quello retrò per gli eterni amanti del vintage, dal tema floreale al foliage astratto. Tanti quanti sono i tagli estetici da dare alla casa contemporanea, che si apre ai rivestimenti alla ricerca della personalizzazione in accordo con la personalità di chi la abita.

Scopri i disegni tessili del Fondo Renzo Brandone, una collezione di 30.000 pezzi che attraversa trasversalmente la storia dei trend tessili di tutto il mondo.

CARTE DA PARATI: TEXTILE DESIGN DAL FONDO RENZO BRANDONE
carte-parati-floreale-archivio-textile-design-fondo-renzo-brandone-fashion-research-italy
« 1 di 6 »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + 6 =

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Accetto la normativa sulla privacy